Accesso ai mercati

«La Svizzera contribuisce a un solido ordinamento economico mondiale e garantisce alla sua economia l’accesso ai mercati internazionali».

Il Consiglio federale intende concludere alcune convenzioni per eliminare ostacoli commerciali e aprire nuovi mercati alla Svizzera. Il porto per container Kleinhüningen, a Basilea, luglio 2014. (KEYSTONE/Steffen Schmidt)

Che cosa vuole ottenere il Consiglio federale

Le imprese svizzere hanno accesso ai mercati esteri. Le condizioni quadro per l’esportazione sono buone. Gli scambi commerciali con l’estero rimangono intensi. La Svizzera contribuisce a un solido ordinamento economico mondiale. Si adopera per l’ambiente, i diritti umani e condizioni di lavoro eque.

Le misure previste

  • Adottare messaggi concernenti accordi di libero scambio.
  • Adottare il messaggio concernente l’Accordo plurilaterale sul commercio dei servizi (TISA).
  • Adottare il messaggio concernente l’accordo di Doha e i necessari adegua-menti di legge.
  • Adottare il messaggio concernente un accordo con l’UE nel settore della sicurezza delle derrate alimentari.
  • Definire la strategia per la prosecuzione degli attuali negoziati per un accordo di libero scambio (TTIP) tra l’UE e gli USA. 

Nota bene: Gli obiettivi e i provvedimenti pubblicati qui di seguito si fondano sul decreto federale sul programma di legislatura 2015-2019. In esso, – su proposta del Consiglio federale – , il Parlamento definisce l’attività del governo per i prossimi quattro anni. Nei suoi obiettivi annuali, il Consiglio federale mette in atto questa agenda politica quadriennale. Il Consiglio federale si riserva il diritto di distanziarsi dal programma di legislatura, qualora avvenimenti imprevedibili lo dovessero richiedere.

Ultima modifica 18.07.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/consiglio-federale/politische-agenda/leitlinie1/marktzugang.html