Stemma della Svizzera

CONFOEDERATIO HELVETICA
Le autorità federali della Confederazione Svizzera

Home page
Mail
Cerca

La Svizzera fornisce un contributo al fondo del FMI per i crediti di emergenza in caso di catastrofi naturali

COMUNICATO STAMPA

La Svizzera fornisce un contributo al fondo del FMI per i crediti di
emergenza in caso di catastrofi naturali

04 mar 2005 (DFF) In data odierna il Consiglio federale ha deciso di versare
un contributo di 2 milioni di dollari americani a un fondo speciale del FMI.
L'obiettivo di questo fondo Ŕ di ridurre i tassi d'interesse dei cosiddetti
crediti d'emergenza. Questi crediti sostengono Paesi toccati da catastrofi
naturali a salvaguardare rispettivamente ripristinare la stabilitÓ
macroeconomica.

I crediti di emergenza del FMI sono essenzialmente parte delle sue risorse
ordinarie e devono pertanto essere rimunerati al tasso di mercato. Le
istituzioni finanziarie internazionali considerano tuttavia insolvibile la
maggioranza dei potenziali destinatari di tali crediti. Inoltre molti dei
Paesi pi¨ poveri sono altamente indebitati. Nel mese di gennaio del 2005 il
consiglio esecutivo del FMI ha quindi deciso di concedere ai Paesi poveri
colpiti da catastrofi naturali, crediti d'emergenza a un tasso preferenziale
dello 0,5 per cento. Questo Ŕ anche il tasso che il FMI applica alla
facilitÓ per la riduzione della povertÓ e per la crescita (PRGF).

Il tasso preferenziale dei crediti d'emergenza, come quello del PRGF, Ŕ
finanziato da un fondo alimentato dai Paesi donatori che il FMI amministra
in base ai principi fiduciari. Considerate le esigenze emerse a seguito
della catastrofe dello tsunami, secondo la direzione del FMI nei prossimi
cinque anni il fabbisogno di mezzi destinati all'agevolazione dei tassi
d'interesse dei crediti d'emergenza Ŕ di circa 70-100 milioni di dollari
americani. I primi beneficiari saranno verosimilmente le Maldive e lo Sri
Lanka.

Il contributo della Svizzera di 2 milioni di dollari americani deve essere
approvato dalle Camere federali.

Informazioni per i giornalisti:
Martin Lanz, Amm. fed. finanze, tel. 031 322 61 66

Dipartimento federale delle finanze DFF
Comunicazione
CH-3003 Berna
http://www.dff.admin.ch