Stemma della Svizzera

CONFOEDERATIO HELVETICA
Le autorità federali della Confederazione Svizzera

Home page
Mail
Cerca

Comunicato stampa

NovitÓ in materia di diritti politici – avvio della procedura di consultazione

In futuro "l’iniziativa popolare generica" consentirÓ di proporre in Sviz­zera sia modifiche di livello costituzionale sia modifiche di livello legislativo. Il nuovo diritto popolare approvato nel 2003 deve ora essere precisato in una legge federale. Nel con­tempo sono previste alcune semplificazioni nell’ambito dell’e­lezione del Consiglio nazionale. Il Consiglio federale ha autorizzato la Cancelleria federale a inviare in procedura di consultazione il relativo avamprogetto e il rapporto esplica­tivo. I Cantoni, i partiti politici e le cerchie interessate possono esprimere il loro parere entro il 28 febbraio 2005.

La "legge federale sull’introduzione dell’iniziativa popolare generica" attua la nuova forma di iniziativa popolare accettata nella votazione popolare del 9 febbraio 2003. Tale diritto popolare consente a 100 000 aventi diritto di voto di chiedere che la Costituzione o le leggi siano modificate. Il Parlamento ha in seguito il compito di attuare opportunamente le proposte a livello costituzionale o a livello legislativo. Il nuovo diritto popolare contribuisce pertanto a garantire che nella Costituzione siano disciplinate solo le questioni fondamentali concernenti il nostro Stato, rafforzando l’effetto della democrazia diretta sulla legislazione. Se il Parlamento non rispetta il contenuto e lo scopo di un'”iniziativa popolare generica” Ŕ possibile interporre ricorso dinanzi al Tribunale federale.

Durante l’elaborazione dell’avamprogetto si Ŕ constatato che la necessitÓ di legiferare Ŕ vasta: secondo le nuove disposizioni costituzionali occorre segnatamente ga­rantire il raggiungimento di una decisione nonostante l’eventuale disaccordo delle Came­re federali, senza tuttavia arrivare a conferire un peso maggiore a una Camera rispetto all’altra. La garanzia del raggiungimento di una decisione, la possibilitÓ di con­trapporre un controprogetto, l’accertamento del risultato della votazione richie­dono molte differenziazioni. La regolamentazione a livello legislativo deve tenere con­to di tali esigenze, ma deve nel contempo essere comprensibile e facilmente applicabile.

La modifica della „legge sui diritti politici“ solleva anche la discussione in merito alle novitÓ in materia di elezioni e votazioni. Alcune proposte riprendono suggerimenti formulati nei Cantoni poco prima delle votazioni popolari e dell’elezione del Consiglio nazionale. Si tratta fra l’altro:

* di studiare le preferenze presso Cantoni e partiti in merito a possibili facilitazioni in occasione dell’elezione del Consiglio nazionale, senza rischiare che il numero di liste, il fabbisogno di carta e la pressione crescano a dismisura e che l’esercizio del diritto di voto diventi troppo complesso;

* della precisazione del concetto di „rappresentanza“ nell’ambito del diritto di voto (un terzo pu˛ unicamente deporre nell’urna la scheda dell’avente diritto di voto, ma non pu˛ naturalmente votare per conto di quest’ultimo);

* dell’ammissione nelle Spiegazioni del Consiglio federale di indirizzi Internet dei comitati d’iniziativa e referendari soltanto se questi ultimi dichiarano per scritto che tali indirizzi non rimandano verso contenuti illeciti.

* della differenziazione della guida per l’elezione del Consiglio nazionale a se­co­nda del sistema elettorale impiegato nei Cantoni (proporzionale o maggio­ritario);

* dell'autorizzazione di limitare il numero delle candidature concessa ai Cantoni che impiegano il sistema maggioritario e che prevedono l'eventualitÓ dell'ele­zione tacita;

* dell’armonizzazione, alla luce degli esperimenti pilota con il voto elettronico, del catalogo elettorale degli Svizzeri all’estero a livello cantonale;

CANCELLERIA FEDERALE SVIZZERA

Informazione e comunicazione

19.11.2004

Per informazioni: Hans-Urs Wili, Sezione diritti politici; tel. 031 322 37 49

La documentazione sulla procedura di consultazione Ŕ ottenibile all’indirizzo

www.admin.ch/ch/i/pore/vern/index.html