Stemma della Svizzera

CONFOEDERATIO HELVETICA
Le autorità federali della Confederazione Svizzera

Home page
Mail
Cerca

NTFA: Il CF ha optato per la "variante di valle"

NFTA: il Consiglio federale favorevole al perfezionamento della variante di
valle nel Canton Uri

Potenziale supplementare evidenziato dalla procedura di conciliazione

Il Consiglio federale ha definito il tracciato della nuova ferrovia
transalpina svizzera (NFTA) nel Canton Uri. A seguito di un approfondito
esame degli interessi in causa, egli giunge alla conclusione che, sul piano
dell'esercizio e della tecnica in materia di costruzione ferroviaria, un
tracciato scoperto nella pianura della Reuss (variante di valle) va
preferito al tracciato in galleria (variante dorsale) proposto dal Cantone.
La variante di valle offre inoltre vantaggi dal profilo del collegamento con
i centri abitati. Il Consiglio federale intende ora migliorare il tracciato
a nord di Altdorf rinunciando nel contempo, nella misura del possibile, al
controverso viadotto.

Il Consiglio federale ha dovuto procedere a una difficile ponderazione degli
interessi. Egli Ŕ consapevole del fatto che il Canton Uri risente giÓ ora
fortemente del traffico stradale di transito. La decisione del Consiglio
federale ha conciliato gli interessi della protezione dell'ambiente e della
pianificazione del territorio con le esigenze tecniche e le condizioni dell'
esercizio operativo della NFTA.

Obiettivo principale: il trasferimento su rotaia del traffico pesante

Determinanti per la variante di valle sono state innanzitutto le esigenze
operative imposte dalla NFTA, la quale Ŕ un progetto a lungo termine.
Secondo il Consiglio federale non sarebbe giudizioso realizzare singole
tratte del tracciato che in futuro non potrebbero soddisfare le esigenze
tecniche di un efficiente collegamento nord-sud. Uno degli obiettivi
prioritari della politica in materia di trasporti del nostro Paese Ŕ proprio
il trasferimento del traffico pesante dalla strada alla rotaia. Per
raggiungere tale scopo, la ferrovia deve essere in grado di assorbire il
traffico merci. L'obiettivo della NFTA non va dunque messo in discussione da
un tracciato che preveda una strozzatura su una singola tratta.

La variante dorsale comporta perdite di capacitÓ

La variante dorsale non Ŕ in grado di garantire la capacitÓ di trasporto,
poichÚ:

 l'impianto di binari di sorpasso all'entrata della galleria di Erstfeld,
lungo 1,5 km, non potrebbe essere costruito. Per raggiungere la capacitÓ
necessaria della galleria di base, Ŕ tuttavia indispensabile che la
convergenza dei treni che viaggiano a velocitÓ differenziate (treni merci,
treni per il trasporto passeggeri) possa effettuarsi in prossimitÓ del
portale della galleria. Un impianto di binari di sorpasso sotterraneo va
inoltre respinto per motivi di sicurezza.

 Occorrerebbe rinunciare all'impiego di treni merci di notevole lunghezza
(da 750 fino a 1500 metri). La capacitÓ richiesta dal trasporto di merci su
rotaia esige tuttavia imperativamente l'impiego di siffatti treni merci. La
variante dorsale non permetterebbe inoltre uno sfruttamento ottimale dei
progressi della tecnologia ferroviaria.

 La variante dorsale impone curve troppo strette e dunque comporterebbe una
velocitÓ ridotta dei treni con una conseguente riduzione della capacitÓ di
trasporto.

Migliorie del tracciato allo studio

Soltanto nel corso della procedura di conciliazione sono emersi spiragli di
miglioramento del tracciato previsto sul territorio del Canton Uri, in
particolare per quanto concerne le tratte da realizzare al pi¨ presto tra 20
o 30 anni. Nei prossimi due anni andrÓ esaminata la fattibilitÓ delle
diverse varianti del tracciato. Nel limite del possibile, si dovrÓ in
particolare rinunciare al viadotto previsto a nord di Altdorf, a favore di
un tracciato perfezionato. L'accompagnamento e il coordinamento di tutte le
misure di protezione contro il rumore saranno inoltre garantiti da un
comitato rappresentativo dei diversi interessi in causa, di cui farÓ parte
anche il Canton Uri.

Con la decisione odierna il Consiglio federale intende usufruire di tutte le
possibilitÓ d'ottimizzazione a sua disposizione.

Berna, 19 giugno 2000

Il rapporto sulla procedura di conciliazione del Canton Uri Ŕ pubblicato in
Internet all'indirizzo seguente:
http://www.sviluppo-territoriale.admin.ch/uri i.html.

Altre informazioni:

Fritz Wegelin, Capo della pianificazione del territorio, Ufficio federale
dello sviluppo del territorio,
tel. 031 322 40 70;

Peter Lerch, Ufficio federale dello sviluppo del territorio, tel. 031 322 40
59