Stemma della Svizzera

CONFOEDERATIO HELVETICA
Le autorità federali della Confederazione Svizzera

Home page
Mail
Cerca

Le vittime del Kosovo: il Consiglio federale decide l'ammissione provvisoria collettiva e fissa un contingente per nuovi profughi

Comunicato per la stampa

Le vittime del Kosovo: il Consiglio federale decide l'ammissione
provvisoria collettiva e fissa un contingente per nuovi profughi

Mercoledý, il Consiglio federale ha deciso l'ammissione provvisoria di
gruppi di cittadini jugoslavi con ultima residenza nella provincia del
Kosovo. La decisione concerne le persone che hanno presentato una
domanda d'asilo in Svizzera. Ne sono invece escluse le persone che si
trovavano provvisoriamente o che si trovano attualmente in uno Stato
terzo sicuro, vale a dire fuori della regione della crisi. Parimenti
escluse sono le persone passibili di pena in Svizzera.

Il Consiglio federale ha inoltre stabilito che l'aiuto in loco negli
Stati limitrofi della provincia del Kosovo deve proseguire con prioritÓ
e va intensificato.

In risposta all'appello urgente dell'Alto Commissario delle Nazioni
Unite per i rifugiati il Consiglio federale Ŕ pronto ad accogliere
provvisoriamente in Svizzera un certo numero di profughi di guerra. La
prioritÓ sarÓ data ai malati e ai feriti cosý come ai profughi che hanno
parenti nel nostro Paese. Le modalitÓ dell'ammissione di questo
contingente di profughi avviene d'intesa con l'Alto Commissariato delle
Nazioni Unite per i rifugiati.

In Svizzera vi sono giÓ circa 50'000 persone soggiacenti al settore
dell'asilo che provengono dal Kosovo. La Svizzera Ŕ pertanto il Paese
nel quale, in proporzione, vive il pi¨ gran numero di vittime della
crisi del Kosovo. Altri 140'000 - 150'000 cittadini jugoslavi
provenienti dal Kosovo beneficiano o di un permesso di dimora annuo o di
un permesso di domicilio. Per tale motivo, per molti profughi
provenienti dal Kosovo, la Svizzera continuerÓ ad essere un Paese di
destinazione privilegiato.

8 aprile 1999

DIPARTIMENTO FEDERALE DI GIUSTIZIA E POLIZIA
Servizio informazione e stampa

Altre informazioni: Ufficio federale dei rifugiati: Roger Schneeberger,
tel.: 031 325 93 50