131.226

Costituzione
del Cantone dei Grigioni

del 18 maggio 2003/14 settembre 2003 (Stato 23  settembre 2013)1

Noi, Popolo del Cantone dei Grigioni,

coscienti della nostra responsabilità dinanzi a Dio e nei confronti del prossimo e del creato,

risoluti a salvaguardare la libertà, la pace e la dignità umana, a garantire la democrazia e lo Stato di diritto, a promuovere la prosperità e la giustizia sociale e a conservare un ambiente sano per le generazioni future,

con l'intenzione di promuovere il trilinguismo e la varietà culturale e di conservarli quale parte del patrimonio storico,

ci diamo la seguente Costituzione:

I. Disposizioni generali e principi che regolano l'operato dello Stato

 

Il Cantone dei Grigioni

Il Cantone dei Grigioni è uno Stato di diritto fondato sulla libertà, sulla democrazia e sulla solidarietà sociale.


 

Relazioni con la Confederazione, con i cantoni e con l'estero

1 Il Cantone dei Grigioni è un cantone autonomo della Confederazione svizzera.

2 Sostiene la Confederazione nell'adempimento dei suoi compiti.

3 Collabora con gli altri cantoni e con le nazioni limitrofe.

4 Promuove la comprensione e gli scambi tra le diverse parti del Paese e le comunità linguistiche della Svizzera.


 

Lingue

1 Il tedesco, il romancio e l'italiano sono le lingue cantonali e ufficiali equivalenti dei Grigioni.

2 Il Cantone e i comuni sostengono e prendono i provvedimenti necessari per la salvaguardia e l'incentivazione delle lingue romancia e italiana. Essi promuovono la comprensione e gli scambi fra le comunità linguistiche.

3 I comuni determinano le loro lingue ufficiali e scolastiche nel quadro delle loro competenze e in cooperazione con il Cantone. Al riguardo essi prestano attenzione alla composizione linguistica tradizionale e hanno riguardo per le minoranze linguistiche autoctone.1


1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


 

Separazione e limitazione dei poteri

1 La struttura dello Stato e l'esercizio del potere statale si basano sui principi della separazione e della limitazione dei poteri.

2 Le autorità cooperano, nei limiti delle proprie competenze, ai fini dell'adempimento degli obiettivi dello Stato.


 

Stato di diritto

1 Il diritto funge da fondamento e da limite dell'attività dello Stato.

2 L'attività dello Stato deve rispondere al pubblico interesse ed essere proporzionata allo scopo.

3 Le autorità e i privati agiscono secondo il principio della buona fede.


 

Responsabilità individuale e sociale

Ogni persona si assume la responsabilità per se stessa nonché la corresponsabilità per la collettività e per la salvaguardia delle basi di vita.


II. Diritti fondamentali e obiettivi sociali

 

Diritti fondamentali e obiettivi sociali

I diritti fondamentali e gli obiettivi sociali sono garantiti nell'ambito della Costituzione federale1 e dei trattati internazionali vincolanti per la Svizzera.


1 RS 101


 

Garanzie procedurali e tutela giuridica

Le garanzie procedurali e la tutela giuridica sono assicurate nell'ambito della Costituzione federale1 e dei trattati internazionali vincolanti per la Svizzera.


1 RS 101


III. Diritti politici

1. Disposizioni generali

 

Diritto di voto e di elezione

1 Il diritto di voto e di elezione spetta a tutte le persone di cittadinanza svizzera che hanno compiuto il diciottesimo anno di età e che abitano nel Cantone.

2 Sono escluse dal diritto di voto e di elezione le persone che a causa di durevole incapacità di discernimento sono sottoposte a curatela generale o sono rappresentate da una persona che hanno designato con mandato precauzionale.1

3 La legge disciplina il diritto di voto e di elezione delle svizzere e degli svizzeri all'estero per questioni cantonali.

4 I comuni possono conferire, in conformità al diritto comunale, alle svizzere e agli svizzeri all'estero rispettivamente alle straniere e agli stranieri il diritto di voto nonché il diritto di eleggere e di essere eletta o eletto per questioni comunali.


1 Accettato nella votazione popolare dell'11 mar. 2012, in vigore dal 1° gen. 2013. Garanzia dell'AF dell'11 mar. 2013 (FF 2013 2251 art. 1 n. 4 195).


 

Principi di elezione e di votazione

1 Il diritto di elezione e di voto è garantito secondo la forma del suffragio universale, libero, diretto e segreto e nel rispetto del principio di uguaglianza. Restano riservate le votazioni per alzata di mano in occasione di assemblee comunali.1

2 I progetti in votazione devono essere semplici e comprensibili. Devono essere garantite una formazione e una manifestazione autentiche della volontà popolare.


1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2017. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


 

Competenze d'elezione

Le e gli aventi diritto di voto eleggono:

1.
i membri del Gran Consiglio nonché le loro e i loro supplenti;
2.
i membri del Governo;
3.
i membri grigioni del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati;
4.1
i membri dei tribunali regionali;
5. e 6.2...
7.
i membri delle autorità comunali, a norma di legge;
8.
altre autorità e altre detentrici e altri detentori di cariche, a norma di legge.

1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).
2 Abrogati nella votazione popolare del 23 set. 2012, con effetto dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


2. Iniziativa popolare

 

Oggetto

1 4000 aventi diritto di voto o un settimo dei comuni possono chiedere, mediante un'iniziativa, la revisione totale o parziale della Costituzione cantonale.

2 3000 aventi diritto di voto o un ottavo dei comuni possono chiedere, mediante un'iniziativa:

1.
l'emanazione, la modifica o l'abrogazione di una legge o di un decreto sottoposto a votazione popolare ai sensi della Costituzione cantonale;
2.
l'inoltro di un'iniziativa cantonale all'Assemblea federale.

 

Forma

1 Un'iniziativa può essere inoltrata sotto forma di proposta generica o di progetto elaborato.

2 Un'iniziativa per la revisione totale della Costituzione cantonale o per l'elaborazione di un decreto può essere inoltrata solo sotto forma di proposta generica.


 

Nullità

1 Un'iniziativa è nulla in tutto o in parte se:

1.
non salvaguarda l'unità della forma o della materia;
2.
è in contrapposizione evidente al diritto di rango superiore;
3.
è inattuabile;
4.
prevede un effetto retroattivo inconciliabile con i principi dello Stato di diritto.

2 Una dichiarazione di nullità parziale è possibile solo se la volontà delle promotrici e dei promotori non viene in tal modo alterata e se la proposta rimane sensata nel suo insieme.

3 Il Gran Consiglio decide in merito alla nullità. Il relativo decreto può essere impugnato dinanzi al Tribunale amministrativo.


 

Procedura

1 Un'iniziativa popolare e un progetto elaborato, basato su una proposta generica, devono essere sottoposti al voto del Popolo o a referendum facoltativo entro due anni dal loro inoltro. Il Gran Consiglio può prorogare questo termine di sei mesi.

2 Il Gran Consiglio può opporre un controprogetto a ogni iniziativa.

3 L'iniziativa e il controprogetto sono posti in votazione contemporaneamente.


3. Referendum

 

Referendum obbligatorio

Sottostanno al voto del Popolo:

1.
le modifiche della Costituzione cantonale;
2.
la stipulazione, la modifica o la denuncia di convenzioni intercantonali e internazionali con contenuto modificante la Costituzione cantonale;
3.
le iniziative popolari che il Gran Consiglio non approva o alle quali oppone un controprogetto;
4.
i decreti del Gran Consiglio in merito a nuove spese uniche di oltre dieci milioni di franchi e a nuove spese annualmente ricorrenti di oltre un milione di franchi;
5.
i decreti del Gran Consiglio concernenti le questioni di principio ai sensi dell'articolo 19 capoverso 1;
6.
gli affari che il Gran Consiglio intende di sua iniziativa sottoporre a votazione.

 

Referendum facoltativo

1 Su richiesta di 1500 aventi diritto di voto o di un decimo dei comuni sono sottoposti al voto del Popolo:

1.
l'emanazione, la modifica o l'abrogazione di leggi;
2.
la stipulazione, la modifica o la denuncia di convenzioni intercantonali e internazionali con contenuto modificante le leggi;
3.
i decreti del Gran Consiglio in merito a nuove spese uniche fra un milione e dieci milioni di franchi nonché a nuove spese annualmente ricorrenti fra 300 000 franchi e un milione di franchi.

2 Il Gran Consiglio può sottoporre a referendum facoltativo decreti di sua esclusiva e definitiva competenza. I decreti concernenti il tasso fiscale, il preventivo, il conto consuntivo, nonché le competenze giudiziarie e le elezioni non possono essere sottoposti a referendum.

3 La domanda di svolgimento della votazione popolare dev'essere inoltrata entro 90 giorni dalla pubblicazione ufficiale del decreto.


 

Diritto d'urgenza

1 Le leggi, la cui entrata in vigore non può essere ritardata, possono essere dichiarate immediatamente in vigore, se il Gran Consiglio ne decreta l'urgenza con una maggioranza di due terzi dei suoi membri.

2 Esse sottostanno al referendum facoltativo susseguente.


 

Questioni di principio e varianti

1 Il Gran Consiglio può decretare votazioni popolari su questioni di principio.

2 Può proporre una variante ad un progetto sottoposto al referendum obbligatorio o facoltativo.

3 Se la votazione popolare ha luogo, devono essere sottoposte alle e agli aventi diritto di voto, oltre al progetto principale, anche la variante. La variante decade, qualora la votazione popolare non abbia luogo.


4. Partiti politici

 

Funzione

1 I partiti politici cooperano alla formazione dell'opinione e della volontà popolari.

2 A tale scopo essi possono essere sostenuti dal Cantone e dai comuni, se nei loro obiettivi e nella loro organizzazione rispecchiano i principi democratici e dello Stato di diritto.


IV. Autorità e tribunali

1. Disposizioni generali

 

Eleggibilità

1 Può essere eletto nelle autorità e nei tribunali cantonali nonché nel Consiglio degli Stati chiunque abbia diritto di voto nel Cantone. La legge può prevedere che il requisito di eleggibilità debba essere soddisfatto soltanto al momento dell'assunzione della carica.1

2 Altri requisiti di eleggibilità per le autorità e i tribunali cantonali nonché le condizioni di assunzione del personale statale sono disciplinati tramite legge.

3 La legge disciplina la sospensione e la destituzione di membri di autorità e tribunali.2


1 Accettato nella votazione popolare del 26 nov. 2006, in vigore dal 1° gen. 2007. Garanzia dell'AF del 6 mar. 2008 (FF 2008 2171 art. 1 n. 8, 2007 6913).
2 Accettato nella votazione popolare del 26 nov. 2006, in vigore dal 1° gen. 2007. Garanzia dell'AF del 6 mar. 2008 (FF 2008 2171 art. 1 n. 8, 2007 6913).


 

Incompatibilità

1 Nessuno può rivestire una carica in seno alla propria diretta autorità di vigilanza.

2 I membri del Governo e delle autorità giudiziarie nonché il personale cantonale impiegato a tempo pieno non possono essere membri del Gran Consiglio.

3 Una o un giudice non può essere contemporaneamente membro del Governo o di un'altra autorità giudiziaria nel Cantone.

4 I membri del Governo e i membri a tempo pieno di un'autorità giudiziaria non possono essere eletti nell'Assemblea federale o nel Tribunale federale.

5 La legge disciplina altri casi di incompatibilità relativi a cariche e compiti, regola l'esclusione per legami di parentela nonché le eccezioni.


 

Durata del mandato

I membri del Gran Consiglio, del Governo, dei tribunali e del Consiglio degli Stati sono eletti per una durata di quattro anni.


 

Immunità

1 I membri del Gran Consiglio e del Governo non incorrono giuridicamente in alcuna responsabilità per quanto da loro dichiarato in Gran Consiglio e nelle relative commissioni.

2 La legge può prevedere altri tipi di immunità ed estenderla ad altre persone.


 

Informazione

Le autorità e i tribunali informano regolarmente il pubblico sulle loro attività.


 

Responsabilità dello Stato

1 Il Cantone, le regioni e i comuni nonché le altre corporazioni di diritto pubblico e gli altri istituti autonomi rispondono, indipendentemente dalla colpa, dei danni che i loro organi e le persone a loro sottoposte hanno illecitamente causato nell'esercizio delle attività connesse al servizio.1

2 La legge può prevedere deroghe come pure una responsabilità fondata sull'equità per danni causati da un atto lecito.


1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


2. Il Gran Consiglio

A. Organizzazione

 

Composizione ed elezione

1 Il Gran Consiglio è composto di 120 membri.

2 L'elezione avviene secondo il sistema maggioritario.

3 Il Cantone è suddiviso in al massimo 39 circondari elettorali. La legge disciplina l'appartenenza dei comuni ai circondari elettorali, nonché le conseguenze di aggregazioni di comuni sul numero di circondari elettorali.1

4 I seggi sono ripartiti tra i circondari elettorali in proporzione alla popolazione svizzera ivi residente.

5 La legge disciplina la designazione delle e dei supplenti.


1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


 

Statuto dei membri del Gran Consiglio

1 I membri del Gran Consiglio deliberano e votano senza istruzioni.

2 Riservato il segreto professionale, sono tenuti a rendere pubblici i loro legami con gruppi di interesse.

3 Nei confronti dell'Amministrazione beneficiano dei diritti speciali all'informazione e alla consultazione di atti, previsti tramite legge.


 

Carattere pubblico delle sedute

Di regola le sedute del Gran Consiglio sono pubbliche.


B. Compiti

 

Principio

Il Gran Consiglio esercita l'autorità suprema con riserva dei diritti popolari. Esso è l'autorità legislativa e l'istanza suprema di vigilanza.


 

Legiferazione

1 Tutte le disposizioni importanti devono essere emanate dal Gran Consiglio sotto forma di legge.

2 Sono considerate importanti in particolare le disposizioni per le quali la Costituzione cantonale prevede l'emanazione di una legge nonché le disposizioni concernenti:

1.
lo scopo e l'estensione delle limitazioni dei diritti fondamentali;
2.
la cerchia delle e dei contribuenti, l'oggetto e le basi di calcolo dei tributi, per quanto essi non siano di natura irrisoria;
3.
lo scopo, il contenuto e l'entità di importanti prestazioni statali;
4.
i principi della suddivisione dei compiti tra Cantone e comuni;
5.
i principi relativi all'organizzazione e ai compiti delle autorità e dei tribunali;
6.
il tipo e l'ampiezza della delega di compiti derivanti dalla sovranità e di altri importanti compiti pubblici a enti esterni all'Amministrazione cantonale.

3 La validità delle leggi può essere limitata. Prima di essere prorogate, le leggi vanno esaminate circa la loro efficacia.


 

Ulteriori competenze normative

1 Qualora non sia prescritto un atto legislativo sotto forma di legge, il Gran Consiglio può emanare ordinanze nella misura in cui vi sia espressamente autorizzato dalla legge.

2 Approva tutte le convenzioni intercantonali e internazionali, sempre che la loro approvazione non sia di esclusiva competenza del Governo.

3 Il Gran Consiglio dev'essere adeguatamente coinvolto nella preparazione di importanti convenzioni intercantonali e internazionali.


 

Vigilanza e alta vigilanza

1 Il Gran Consiglio esercita la vigilanza sul Governo nonché sul Tribunale cantonale e sul Tribunale amministrativo.

2 Gli compete l'alta vigilanza sull'Amministrazione, sugli altri settori della giustizia e su altri enti che svolgono compiti pubblici.


 

Programmazione governativa

1 Il Gran Consiglio emana gli obiettivi politici e le linee guida di ordine superiore.

2 Esamina il programma governativo, il piano finanziario e altri programmi politici fondamentali del Governo.

3 Può prendere decisioni sull'attuazione del programma e affidare mandati al Governo.


 

Finanze

1 Il Gran Consiglio fissa il preventivo tenendo conto del piano finanziario e approva il consuntivo. La legge può prevedere delle deroghe.1

2 Determina l'ammontare delle imposte in conformità alla legislazione fiscale.

3 Decide in via definitiva in merito a nuove spese uniche fino a un milione di franchi e a nuove spese annualmente ricorrenti fino a 300 000 franchi.


1 Accettato nella votazione popolare del 26 set. 2004, in vigore dal 1° gen. 2005. Garanzia dell'AF del 6 ott. 2005 (FF 2005 5337 art. 1 n. 5 2579).


 

Elezioni

Il Gran Consiglio elegge:

1.
i suoi organi e le sue commissioni;
2.
la presidenza del Governo;
3.
i membri del Tribunale cantonale e del Tribunale amministrativo;
4.
altre e altri titolari di mandati, a norma di legge.

 

Domande di grazia

Il Gran Consiglio delibera sulle domande di grazia. La legge può demandare al Governo questa competenza.


3. Il Governo

A. Organizzazione

 

Composizione

1 Il Governo è composto di cinque membri.

2 Prende e difende le proprie decisioni collegialmente.


 

Elezione

1 Il Governo è eletto secondo il sistema maggioritario.

2 Il territorio cantonale forma un unico circondario elettorale.

3 La rielezione è ammessa per due volte.


 

Presidenza

Il Gran Consiglio elegge per il periodo di un anno la o il presidente e la o il vicepresidente del Governo, scegliendole o scegliendoli tra i suoi membri.


 

Attività accessoria e rappresentanza degli interessi

1 Ai membri del Governo non è permesso esercitare alcuna attività accessoria.

2 Previa approvazione del Governo è ammessa la rappresentanza del Cantone all'interno di organi di società o di organizzazioni sostenute dal Cantone o a cui esso partecipa. La legge può prevedere ulteriori deroghe.


B. Compiti

 

Compiti del Governo

1 Riservate le competenze delle e degli aventi diritto di voto e del Gran Consiglio, il Governo pianifica, fissa e coordina gli obiettivi e l'impiego dei mezzi per l'attività dello Stato.

2 Allestisce regolarmente un programma di Governo.

3 Cura l'esecuzione delle leggi, delle ordinanze e dei decreti del Gran Consiglio.

4 Rappresenta il Cantone dentro e fuori i suoi confini.


 

Direzione dell'Amministrazione

1 Il Governo è preposto all'Amministrazione cantonale.

2 Vigila affinché l'Amministrazione operi efficientemente e in conformità alla legge e definisce, nel quadro del diritto cantonale, l'organizzazione della stessa.


 

Cooperazione in Gran Consiglio

1 Il Governo prepara gli oggetti da sottoporre al Gran Consiglio, per quanto quest'ultimo non li elabori autonomamente.

2 Sottopone al Gran Consiglio progetti di modifica della Costituzione nonché disegni di leggi, di ordinanze e di decreti.

3 I membri del Governo partecipano alle sedute del Gran Consiglio con funzione consultiva e possono formulare proposte.


 

Legiferazione

1 Il Governo emana disposizioni di minore importanza in forma di ordinanza.

2 È competente per la negoziazione di convenzioni intercantonali e internazionali; è pure competente per la loro stipulazione, per quanto esse rientrino nella sua competenza normativa.


 

Finanze

Il Governo elabora il piano finanziario e trasmette il preventivo e il consuntivo al Gran Consiglio.


 

Altri compiti

Ulteriori compiti del Governo sono segnatamente:

1.
la cura delle relazioni con la Confederazione e gli altri cantonali nonché con le nazioni limitrofe, tenendo conto di eventuali prese di posizione del Gran Consiglio;
2.
le nomine che non sono state delegate ad altre autorità;
3.
il resoconto annuale, all'attenzione del Gran Consiglio, sull'attività del Governo e dell'Amministrazione;
4.
la tutela dell'ordine e della sicurezza pubblici;
5.
la vigilanza sulle corporazioni di diritto pubblico nonché su altri enti che svolgono compiti pubblici di carattere cantonale.

 

Situazioni straordinarie

1 Il Governo può, senza base legale, emanare ordinanze o decreti per far fronte a gravi turbamenti della sicurezza pubblica, già esistenti o imminenti, come pure a situazioni d'emergenza sociale.

2 Tali ordinanze e decreti devono essere approvati dal Gran Consiglio e perdono di validità al più tardi entro un anno dalla loro entrata in vigore.


C. Amministrazione

 

Dipartimenti e Cancelleria dello Stato

1 L'Amministrazione cantonale è strutturata in dipartimenti secondo i campi di attività. Il Governo disciplina i settori di competenza dei dipartimenti tramite ordinanza.

2 La Cancelleria dello Stato è lo stato maggiore con funzione di organo di coordinamento e di collegamento generale fra il Gran Consiglio, il Governo e l'Amministrazione.


 

Altri enti che svolgono compiti pubblici

1 Il Cantone può affidare compiti pubblici a enti esterni all'Amministrazione cantonale.

2 Devono essere garantiti la vigilanza da parte del Governo, una cooperazione appropriata del Gran Consiglio e l'accesso ai rimedi giuridici.

3 Qualora non sia prescritto un atto legislativo sotto forma di legge, gli istituti autonomi di diritto pubblico cantonale possono emanare ordinanze, nella misura in cui vi siano espressamente autorizzati dalla legge.1


1 Accettato nella votazione popolare del 24 set. 2006, in vigore dal 1° gen. 2007. Garanzia dell'AF del 6 mar. 2008 (FF 2008 2171 art. 1 n. 8, 2007 6913).


4. Tribunali

 

Indipendenza e imparzialità

1 Sono garantite l'indipendenza e l'imparzialità dei tribunali. Nella loro giurisprudenza i tribunali sono vincolati unicamente al diritto.

2 Riservata la competenza del Gran Consiglio, l'amministrazione della giustizia compete ai tribunali.

3 Le ed i giudici non possono rappresentare dinanzi alla propria autorità le parti coinvolte in procedure contenziose.

4 Ai membri di un'autorità giudiziaria impiegati a tempo pieno è vietato esercitare un'attività accessoria. La legge può prevedere delle deroghe.


 

Finanze, cooperazione in Gran Consiglio e legislazione

1 Il Tribunale cantonale e il Tribunale amministrativo sottopongono al Gran Consiglio per approvazione il progetto di preventivo, nonché il conto annuale e il rapporto annuale.

2 Le e i presidenti prendono parte alle sedute del Gran Consiglio sul preventivo, sul conto annuale e sui rapporti annuali dei tribunali. Essi hanno voto consultivo e possono presentare proposte.

3 Qualora non sia prescritta la forma di legge, il Tribunale cantonale e il Tribunale amministrativo possono emanare ordinanze nell'ambito dell'amministrazione della giustizia e della vigilanza sulla giustizia, se sono espressamente autorizzati dalla legge a farlo.


1 Accettato nella votazione popolare del 26 nov. 2006, in vigore dal 1° gen. 2007. Garanzia dell'AF del 6 mar. 2008 (FF 2008 2171 art. 1 n. 8, 2007 6913).


 

Vigilanza sulla giustizia

1 Il Tribunale cantonale esercita la vigilanza su tutti i settori della giustizia civile e penale.

2 Il Gran Consiglio esercita la vigilanza sul Tribunale cantonale, sul Tribunale amministrativo come pure l'alta vigilanza sugli altri settori della giustizia.

3 La vigilanza e l'alta vigilanza si limitano alla gestione delle pratiche e all'amministrazione della giustizia.


 

Carattere pubblico dei dibattimenti in tribunale

Per quanto la legge non preveda deroghe, i dibattimenti fra le parti in tribunale sono pubblici.


 

Giurisdizione civile e penale

La giurisdizione civile e penale è esercitata:

1.
dal Tribunale cantonale;
2.1
dai tribunali regionali quali tribunali cantonali inferiori;
3.2

1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2017. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).
2 Abrogato nella votazione popolare del 17 mag. 2009, con effetto dal 1° gen. 2011. Garanzia dell'AF dell'8 giu. 2010 (FF 2010 3839 art. 1 n. 5 1905).


 

Giurisdizione costituzionale e amministrativa

1 Il giudizio in ultima istanza di controversie di diritto pubblico spetta al Tribunale amministrativo, per quanto la legge non disponga altrimenti.

2 In veste di corte costituzionale, il Tribunale amministrativo giudica:

1.     i ricorsi per violazione di diritti costituzionali e politici nonché per violazione del principio della preminenza del diritto di rango superiore;
2.1  i ricorsi per violazione dell'autonomia dei comuni e di altri enti di diritto pubblico, nonché delle Chiese riconosciute dallo Stato.2

3 Nelle pratiche di diritto costituzionale le leggi e le ordinanze possono essere sia impugnate direttamente sia esaminate in caso di applicazione.


1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2017. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).
2 Accettato nella votazione popolare del 26 nov. 2006, in vigore dal 1° gen. 2007. Garanzia dell'AF del 6 mar. 2008 (FF 2008 2171 art. 1 n. 8, 2007 6913).


 

Ulteriori autorità giudiziarie e extragiudiziarie

Tramite legge possono essere istituite ulteriori autorità giudiziarie e extragiudiziarie.


5. Esercizio di diritti di cooperazione nella confederazione

 

Consiglio degli Stati

1 Il Consiglio degli Stati è eletto secondo il sistema maggioritario. Le elezioni del Consiglio degli Stati hanno luogo contemporaneamente a quelle del Consiglio nazionale.

2 Il territorio cantonale forma un unico circondario elettorale.


 

Referendum cantonale

Il Gran Consiglio o il Governo possono, a nome del Cantone, esigere che leggi federali, decreti federali come pure convenzioni internazionali siano sottoposti a votazione popolare.


 

Iniziativa cantonale

1 Il Gran Consiglio o il Governo possono, a nome del Cantone, inoltrare all'Assemblea federale un'iniziativa cantonale.

2 L'inoltro di un'iniziativa cantonale può essere chiesto anche mediante un'iniziativa popolare.


V. Struttura del cantone

1. Comuni e collaborazione fra comuni

A. Tipi di comune

 

Comuni politici

1 I comuni politici sono corporazioni del diritto pubblico cantonale con personalità giuridica propria. Sono costituiti dall'insieme delle persone domiciliate nel proprio territorio.

2 Sono competenti per tutte le questioni locali che non spettano ai comuni patriziali.


 

Comuni patriziali

1 I comuni patriziali sono costituiti dalle cittadine e dai cittadini originari del comune e ivi domiciliati.

2 Lo stato giuridico, i compiti e l'organizzazione dei comuni patriziali nonché l'unione con il comune politico sono stabiliti dalla legge.


B. Collaborazione e aggregazione fra comuni

 

Collaborazione fra comuni

1 Per assolvere i propri compiti, i comuni possono collaborare con altri comuni o altre organizzazioni. La legge prevede che i comuni possano essere obbligati a collaborare fra di loro.

2 La legge regola la collaborazione fra comuni nonché la delega di compiti all'esterno e garantisce i diritti politici di cogestione.


 

Aggregazione

L'aggregazione di comuni è regolata dalla legge.


 

Incentivazione della collaborazione e dell'aggregazione fra comuni

Il Cantone promuove la collaborazione e l'aggregazione fra comuni per garantire l'assolvimento appropriato ed economico dei loro compiti.


C. Stato giuridico e organizzazione

 

Autonomia comunale

1 L'autonomia dei comuni è garantita. Il diritto cantonale ne fissa i limiti.

2 I comuni sono in particolare legittimati a definire la propria organizzazione, a istituire le proprie autorità e la propria amministrazione come pure a regolare in modo autonomo il proprio assetto finanziario.


 

Organi

1 Organi obbligatori dei comuni politici sono:

1.
l'insieme delle e degli aventi diritto di voto che esercitano i loro diritti politici nell'assemblea comunale o con la votazione per urna;
2.
l'autorità esecutiva;
3.
altre autorità a norma di legge.

2 I comuni possono prevedere che l'assemblea comunale sia sostituita o affiancata da una forma di parlamento comunale.


 

Vigilanza

1 Il Governo esercita la vigilanza sui comuni e sugli organi responsabili della collaborazione fra comuni.

2 La vigilanza si limita al controllo della legalità, salvo diversa disposizione di legge.

3 Un comune può essere sottoposto a curatela in gravi casi di amministrazione irregolare.


2. Regioni2

A. Suddivisione del territorio cantonale

 

Regioni

1 Il Cantone è suddiviso nelle regioni seguenti:

1.
Albula;
2.
Bernina;
3.
Engiadina Bassa/Val Müstair;
4.
Imboden;
5.
Landquart;
6.
Maloja;
7.
Moesa;
8.
Plessur;
9.
Prättigau/Davos;
10.
Surselva;
11.
Viamala.

2 La legge disciplina l'appartenenza dei comuni alle regioni.


1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


 

1 Abrogato nella votazione popolare del 23 set. 2012, con effetto dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


B. Stato giuridico e compiti

 

1 Abrogato nella votazione popolare del 23 set. 2012, con effetto dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


 

Regioni

1 Le regioni sono corporazioni del diritto pubblico cantonale e assolvono esclusivamente i compiti loro assegnati dal Cantone o dai comuni.

2 L'organizzazione delle regioni e i diritti politici si conformano alla legge.

3 Le regioni costituiscono le circoscrizioni giudiziarie per i tribunali regionali.


1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


 

1 Abrogato nella votazione popolare del 23 set. 2012, con effetto dal 1° gen. 2017. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


C. Organizzazione e vigilanza

 

1 Abrogato nella votazione popolare del 23 set. 2012, con effetto dal 1° gen. 2017. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


 

Vigilanza

1 Il Governo esercita, nei limiti previsti dal diritto cantonale, la vigilanza sulle regioni. Fa eccezione la vigilanza sulla giustizia.

2 Per quanto attiene ai compiti che i comuni hanno delegato alle regioni, la vigilanza si limita al controllo della legalità, salvo diversa disposizione di legge.


1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


VI. Compiti pubblici

1. Disposizioni generali

 

Principi

1 Il Cantone e i comuni promuovono il benessere e la sicurezza sociale della popolazione, della famiglia e dell'individuo.

2 Si impegnano affinché tutti abbiano pari opportunità, segnatamente a favore della uguaglianza fra donna e uomo.

3 Sostengono l'iniziativa privata fissando condizioni quadro favorevoli.

4 Nell'adempimento di compiti pubblici devono essere rispettate le basi di vita naturali.


 

Competenza e collaborazione

1 Il Cantone e i comuni assolvono i compiti di interesse pubblico, per quanto l'offerta privata non sia sufficiente. I compiti sono stabiliti dalla costituzione e dalla legge.

2 Il Cantone, le regioni e i comuni cooperano fra loro nell'adempimento dei compiti pubblici. Nel limite del possibile si deve favorire la collaborazione con i privati.1


1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).


 

Adempimento decentralizzato dei compiti

Il Cantone adempie ai compiti pubblici in maniera decentralizzata, se lo consentono in particolare il tipo di compiti, l'impiego economico delle risorse o l'assolvimento efficace dei compiti.


 

Esame dei compiti

I compiti pubblici devono essere periodicamente esaminati in base ai criteri della necessità, dell'efficacia e della possibilità di finanziamento.


2. Garanzia dell'ordine pubblico

 

Ordine pubblico e sicurezza

1 Il Cantone e i comuni garantiscono l'ordine e la sicurezza pubblici.

2 Adottano misure per la protezione della popolazione da catastrofi e per il mantenimento delle funzioni importanti dello Stato in situazioni di emergenza.


3. Pianificazione territoriale, ambiente, energia, trasporti e telecomunicazioni

 

Pianificazione territoriale

Il Cantone e i comuni mirano ad uno sfruttamento ed uno sviluppo adeguato, economico, coordinato e sostenibile del territorio cantonale, tenendo conto delle esigenze di uomini e ambiente nonché dell'insediamento decentrale.


 

Protezione dell'ambiente nonché protezione della natura e del patrimonio culturale

1 Il Cantone disciplina l'esecuzione del diritto federale sulla protezione dell'uomo e del suo ambiente naturale da effetti nocivi e molesti. I costi di prevenzione e di eliminazione sono a carico di chi li provoca.

2 Il Cantone e i comuni provvedono alla salvaguardia e alla protezione della fauna e della flora nonché dei loro spazi vitali.

3 Definiscono misure per la salvaguardia e la protezione di paesaggi e insediamenti, di siti storici nonché di beni naturali e culturali di valore.


 

Infrastruttura

1 Il Cantone e i comuni garantiscono un approvvigionamento idrico ed energetico del territorio cantonale, il collegamento con le vie di comunicazione nonché la telecomunicazione adeguati.

2 Promuovono un approvvigionamento di energia sicuro, sufficiente e rispettoso dell'ambiente, il suo impiego parsimonioso e razionale nonché l'utilizzazione di energie rinnovabili.

3 Provvedono ad una regolamentazione della circolazione che corrisponde ai bisogni, rispettosa dell'ambiente ed economica e promuovono i trasporti pubblici.

4 Il Cantone promuove la collaborazione fra i comuni e le regioni e garantisce la perequazione finanziaria.


 

Acque

1 Il Cantone esercita la vigilanza sulle acque pubbliche e private. Disciplina lo sfruttamento delle acque nonché della forza idrica.

2 La sovranità sulle acque pubbliche spetta ai comuni.


4. Economia

 

Politica economica

1 Il Cantone e i comuni creano condizioni quadro favorevoli ad un'economia efficiente e sostenibile. Promuovono attivamente l'economia.

2 Promuovono gli sforzi dell'economia in vista della creazione e del mantenimento di posti di lavoro.

3 Sostengono misure a favore della riqualificazione, del prefezionamento e del reinserimento professionale nonché della conciliabilità di lavoro e famiglia.

4 Adottano misure per mantenere al livello più basso possibile la densità normativa e l'onere amministrativo per le imprese, in particolare per le piccole e medie imprese (PMI).1


1 Accettato nella votazione popolare del 29 gen. 2012, in vigore dal 29 gen. 2012. Garanzia dell'AF dell'11 mar. 2013 (FF 2013 195, 2013 2251 art. 1 n. 4).


 

Regalie e monopoli

1 I diritti di regalia del Cantone sono:

1.
il monopolio del sale;
2.
la regalia della caccia;
3.
la regalia della pesca.

2 La regalia delle miniere è un diritto di regalia dei comuni.

3 I diritti di regalia danno diritto esclusivo allo sfruttamento. Il Cantone rispettivamente il comune può esercitare esso stesso il diritto allo sfruttamento o demandarlo a terzi.

4 Se l'interesse pubblico lo richiede, il Cantone può costituire ed esercitare monopoli tramite legge.

5 Restano riservati diritti privati preesistenti.


5. Affari sociali, salute e famiglia

 

Integrazione

1 Il Cantone e i comuni provvedono a una sufficiente assistenza, un sostegno e ad una reintegrazione di persone bisognose di aiuto.

2 Promuovono l'integrazione sociale e professionale di persone svantaggiate a causa di un handicap, di una malattia o per altri motivi.

3 S'impegnano a favore dell'opportuna considerazione degli handicap, nella misura di quanto economicamente accettabile.

4 Provvedono, nella misura delle loro possibilità, a rendere edifici ed impianti pubblici accessibili ai portatori di handicap.


 

Salute

1 Il Cantone disciplina la sanità pubblica.

2 Il Cantone e i comuni provvedono ad un'adeguata, economica e sufficiente assistenza e cure mediche.

3 Promuovono e sostengono la prevenzione sanitaria e delle tossicodipendenze.


 

Famiglia

Il Cantone e i comuni creano condizioni quadro favorevoli alle famiglie.


6. Istruzione, cultura e tempo libero

 

Istruzione

1 L'insegnamento nelle scuole pubbliche si basa su un fondamento cristiano-umanistico. Esso è neutrale sia dal punto di vista confessionale sia da quello politico ed è improntato alla tolleranza.

2 Il Cantone e i comuni fanno in modo che i bambini ed i giovani ricevano un'istruzione scolastica di base adeguata alle loro capacità. Promuovono, tramite un'offerta formativa adeguata, l'integrazione sociale di bambini handicappati.

3 Il Cantone provvede all'insegnamento medio, alla formazione e al perfezionamento professionale nonché all'accesso alle scuole universitarie professionali e alle scuole superiori. A tale scopo può gestire o sostenere scuole. Bada ad un'offerta decentralizzata di scuole medie e professionali e promuove le scuole universitarie professionali e le scuole superiori nel Cantone.


 

Cultura e ricerca

Il Cantone e i comuni promuovono l'attività artistica, culturale e scientifica nonché lo scambio culturale, tenendo in considerazione la molteplicità linguistica e le caratteristiche regionali.


 

Attività ricreative e sport

Il Cantone e i comuni sostengono le attività ricreative ragionevoli, le attività giovanili e lo sport.


7. Collaborazione internazionale

 

Collaborazione transfrontaliera e aiuto umanitario

1 Il Cantone sostiene e promuove la collaborazione transfrontaliera.

2 Sostiene l'aiuto umanitario a favore di persone e popolazioni bisognose.


VII. Ordinamento finanziario

 

Principi

1 Le risorse pubbliche devono essere impiegate in modo parsimonioso, economico ed efficace.

2 A media scadenza deve essere garantita una gestione finanziaria equilibrata tenendo conto dello sviluppo economico.

3 Ogni uscita presuppone una base legale, un decreto di concessione del credito e un'autorizzazione al pagamento.

4 In linea di principio le spese devono essere assunte da chi le ha causate.


 

Competenze in materia fiscale

1 Le competenze del Cantone e dei comuni per la riscossione delle imposte sono stabilite dalla legge.

2 Le competenze in materia fiscale delle Chiese riconosciute dallo Stato e dei comuni parrocchiali si conformano alle disposizioni sullo Stato e le Chiese.


 

Principi dell'imposizione

1 Per quanto lo ammetta il tipo di imposta, nella sua determinazione si devono osservare i principi della generalità, dell'uguaglianza e della capacità economica.

2 Nel calcolo delle imposte occorre preservare chi è finanziariamente debole, mantenere la volontà contributiva, promuovere la previdenza individuale e salvaguardare la concorrenzialità.

3 La doppia imposizione intercomunale è proibita.


 

Perequazione finanziaria

1 Il Cantone attua la perequazione finanziaria.

2 La perequazione finanziaria mira a creare condizioni equilibrate dell'onere fiscale e delle prestazioni dei comuni e delle regioni.

3 La legge può prevedere contributi supplementari per ridurre gli squilibri regionali, per consentire a un comune o a una regione di svolgere particolari funzioni o per promuovere determinati compiti.


 

Vigilanza sulle finanze

Il Gran Consiglio esercita la vigilanza sulle finanze. In questo suo compito viene coadiuvato da un organo di controllo indipendente.


VIII. Stato e Chiese

 

Chiese riconosciute dallo Stato e comuni parrocchiali

1 La Chiesa evangelica-riformata e la Chiesa cattolica-romana sono corporazioni riconosciute dal diritto pubblico.

2 La Chiesa evangelica-riformata di Stato e i loro comuni parrocchiali nonché la Chiesa cattolica di Stato sono corporazioni di diritto pubblico.

3 La legge può conferire lo statuto di diritto pubblico ad altre comunità religiose.


 

Autonomia

1 Le Chiese riconosciute dallo Stato e i loro comuni parrocchiali sono autonomi nella loro gestione nei limiti del diritto cantonale.

2 Sono legittimate a riscuotere imposte di culto dai loro membri in conformità ai principi vigenti per i comuni.

3 Ai comuni parrocchiali compete il diritto di nominare e licenziare i propri religiosi.

4 Il Cantone esercita l'alta vigilanza sull'impiego legale delle risorse finanziarie e sul rispetto dell'ordinamento giuridico.

5 A norma di legge esso può riscuotere un'imposta di culto dalle persone giuridiche.


 

Comunità religiose di diritto privato

Le altre comunità religiose sottostanno al diritto privato.


IX. Modifica della Costituzione cantonale

 

Revisione totale e parziale

1 La Costituzione cantonale può essere sottoposta in qualsiasi momento a revisione totale o parziale.

2 Una revisione parziale può avere per oggetto una sola disposizione o più disposizioni tra loro materialmente connesse.

3 L'avvio di una revisione totale della Costituzione cantonale è deciso dal Popolo a seguito di un'iniziativa popolare o di un decreto del Gran Consiglio.

4 In caso di una revisione totale il progetto costituzionale può contenere, al posto di una variante giusta l'articolo 19, una o più varianti sulle quali va votato in modo separato, precedentemente o contemporaneamente.


X. Disposizioni finali

 

Entrata in vigore

1 La presente Costituzione cantonale entra in vigore il 1° gennaio 2004.

2 Da questa data la Costituzione del Cantone dei Grigioni del 2 ottobre 1892 è abrogata.

3 Le modifiche della Costituzione cantonale del 2 ottobre 1892, che intervengono tra l'emanazione del decreto del Gran Consiglio concernente la Costituzione cantonale e la sua entrata in vigore, vengono integrate dal Gran Consiglio nella nuova Costituzione cantonale. Il relativo decreto non sottostà a referendum.


 

Validità limitata del diritto previgente

1 Gli atti normativi decretati da un'autorità non più competente o in una procedura non più ammessa restano in vigore.

2 La modifica di questi atti normativi si conforma alla presente Costituzione cantonale.

3 Fino all'entrata in vigore delle relative disposizioni di legge continuano a fare stato le seguenti disposizioni della Costituzione del Cantone dei Grigioni del 2 ottobre 1892:

1.
Art. 27 cpv. 1 e 2:
1 Ai dipartimenti viene aggregata una Commissione dell'educazione e una Commissione d'igiene, nominate dal Governo per trattare tutte le questioni importanti, la prima nel campo dell'educazione e la seconda in quello dell'igiene pubblica.
2 La Commissione dell'educazione si compone di nove, quella d'igiene di cinque membri. Il capodipartimento in carica è, d'ufficio, presidente della Commissione. Gli altri membri vengono nominati per quattro anni e sono rieleggibili.
2.
Art. 39 cpv. 4:
4 Il consiglio di circolo è composto dal presidente di circolo, dal suo supplente e, per quanto lo statuto del circolo non preveda un'altra composizione, dai presidenti dei comuni facenti parte del circolo.
3.
Art. 40 cpv. 5 frasi 2 e 3 nonché cpv. 6:
5 Sussidiariamente si potranno esigere imposte comunali secondo equi e giusti principi. La riscossione di un'imposta alla fonte nonché la tassazione della sostanza e del reddito delle persone giuridiche spetta solo al Cantone.
6 Eventuali imposte progressive non possono eccedere le norme di progressione stabilite dalla legge tributaria cantonale vigente. I comuni non hanno diritto d'esigere imposte dal Cantone sui beni fondiari, sui fabbricati e sugli impianti pubblici dello Stato.

4 Fino al più tardi al 31 dicembre 2008 l'articolo 38 capoverso 2 della Costituzione del Cantone dei Grigioni del 2 ottobre 1892 continua a fare stato:

Essi hanno diritto di regolare i loro affari politici ed amministrativi mediante ordinanze obbligatorie per tutti e di riscuotere, secondo equi e giusti principi, imposte circolari per coprire le loro spese d'amministrazione. La riscossione di un'imposta alla fonte spetta unicamente al Cantone. Eventuali imposte progressive non possono eccedere le norme di progressione stabilite dalla vigente legge tributaria cantonale.


 

Adeguamento della legislazione

1 Se in base alla presente Costituzione cantonale vanno emanate nuove disposizioni di legge o va modificato il diritto vigente, ciò deve avvenire senza indugio.

2 Entro tre anni dall'entrata in vigore della presente Costituzione cantonale, il Governo sottopone al Gran Consiglio proposte per il necessario adeguamento della legislazione.


 

Autorità e tribunali

1 I membri delle autorità e dei tribunali rimangono in carica fino allo scadere del loro mandato secondo il diritto previgente, riservate le seguenti eccezioni:

1.
Il periodo di carica dei membri del Gran Consiglio e delle loro e dei loro supplenti è prorogato fino al 31 luglio 2006.
2.
Il periodo di carica delle e dei presidenti di circolo nonché delle loro e dei loro supplenti è prorogato fino al 31 luglio 2006.
3.
Il periodo di carica dei membri grigioni del Consiglio degli Stati è prorogato fino al 25 novembre 2007.

2 Nuove elezioni ed elezioni sostitutive sottostanno alle disposizioni della presente Costituzione cantonale.

3 Fino all'emanazione delle relative disposizioni legali, i membri impiegati a tempo pieno di un'autorità giudiziaria necessitano di un'autorizzazione della Commissione di giustizia del Gran Consiglio per l'esercizio di un'attività accessoria. Queste attività non devono pregiudicare l'adempimento illimitato dei doveri d'ufficio, l'indipendenza e la reputazione del Tribunale. La Commissione di giustizia può stabilire una riduzione adeguata del volume d'impiego o un obbligo di consegnare la retribuzione percepita per l'esercizio di un'attività accessoria. Le disposizioni per i membri impiegati a tempo pieno di un'autorità giudiziaria rimangono applicabili.

4 Fino all'emanazione delle relative disposizioni legali, per la procedura di diritto costituzionale vengono applicate per analogia le norme concernenti la procedura dinanzi al Tribunale amministrativo.


 

Diritti politici

1 La riuscita e la validità di iniziative popolari e di referendum, notificati alla Cancelleria dello Stato prima dell'accettazione della presente Costituzione cantonale, vengono giudicate secondo il diritto previgente.

2 I progetti già approvati dal Gran Consiglio al momento dell'entrata in vigore della presente Costituzione cantonale sottostanno a votazione popolare secondo il diritto previgente.

3 Le iniziative popolari per una revisione parziale della Costituzione cantonale previgente, inoltrate fino al momento dell'accettazione della nuova Costituzione cantonale, vengono trasformate dal Gran Consiglio in progetti di revisione parziale della nuova Costituzione cantonale.


 

Corporazioni regionali

1 Le organizzazioni regionali di collaborazione fra comuni che al momento dell'entrata in vigore della nuova Costituzione non sono ancora corporazioni regionali ai sensi della presente Costituzione, saranno trattati fino al 31 dicembre 2006 come corporazioni regionali.

2 Il consiglio di direzione delle corporazioni regionali ha il compito di presentare agli organi e ai comuni competenti entro il 31 dicembre 2004 proposte per la futura configurazione di una corporazione regionale.


 

Circoli, distretti, corporazioni regionali

1 I circoli che assolvono compiti loro delegati dai comuni continuano a esistere fino ad al massimo due anni dopo l'entrata in vigore della suddivisione del Cantone in regioni quali corporazioni del diritto pubblico cantonale. La durata di carica delle e dei presidenti, nonché delle e dei loro supplenti dei circoli rimanenti è prorogata fino al momento dell'abrogazione.

2 Fino alla fine del 2016, i distretti costituiscono le circoscrizioni giudiziarie per la giurisdizione civile e penale. Il loro stato giuridico si conforma alla legge.

3 A partire dall'entrata in vigore della suddivisione del Cantone in regioni, non sarà più ammesso assegnare compiti ai circoli e alle corporazioni regionali.

4 La responsabilità dello Stato per i circoli, i distretti e le corporazioni regionali, nonché la vigilanza su di essi sono garantite per l'intera durata della loro esistenza nella misura prevista dalla Costituzione del Cantone dei Grigioni del 18 maggio 2003/14 settembre 2003.


1 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 3267 art. 1 n. 4 6761). Il cpv. 1 entra in vigore il 1° mar. 2014; i cpv. 2-4 entrano in vigore il 1° gen. 2015.



Indice analitico

I numeri arabi si riferiscono agli articoli. Le indicazioni sono solo informali e non sono giuridicamente vincolanti.

Acque

-
approvvigionamento 82
-
vigilanza 83

Aiuto umanitario 92

Amministrazione cantonale

-
alta vigilanza 33
-
dipartimenti 49
-
direzione e sorveglianza 43
-
Tribunale amministrativo v. Tribunali
-
vigilanza 22, 30, 33, 47, 50, 52, 67, 74, 83, 97, 99 v. anche Vigilanza, Autorità, Cantone

Autorità

-
autorità collegialmente 38
-
autorità dei comuni v. Comuni
-
autorità giudiziarie 51, 56
-
buona fede 5
-
cantonali, eleggibilità 21
-
cooperazione 4
-
competenza 103
-
destituzione 21
-
giudiziarie v. Tribunale (i)
-
Governo 21-25, 33-34, 36, 38-50, 58, 59, 74, 103, 104
-
Gran Consiglio 11, 14, 16, 18, 19, 21-25, 27-37, 30, 42, 44, 46-52, 58, 59, 68, 97, 101, 102, 104-106
-
incompatibilità 22
-
informazione 25
-
legislativa, esercitata dal popolo 12-15, 16-18
-
organizzazione e compiti 31
-
responsabilità 24, 26

Cancelleria 49

Cantone

-
generalmente 1, 21, 22, 30
-
Amministrazione cantonale v. Amministrazione cantonale
-
Chiese. alta vigilanza del Cantone 99
-
collaborazione transfrontaliera 92
-
collaborazione 2, 47
-
convenzioni intercantonali 17, 32, 45
-
competenze in materia fiscale 94
-
compiti
-
principi 75, 76, 77
-
acque 83
-
attività ricreative e sport 91
-
cultura e ricerca 90
-
famiglia 88
-
infrastruttura 82
-
integrazione 86
-
istruzione 89
-
lingue 3
-
ordine pubblico e sicurezza 79
-
pianificazione territoriale 80
-
politica economica 84
-
protezione dell'ambiente 81
-
protezione della natura e del patrimonio culturale 81
-
regalie e monopoli 85
-
salute 87
-
sostegno di partiti politici 20
-
convenzioni intercantonali e internazionali 16, 17, 32, 45
-
Costituzione cantonale
-
revisione 12, 13, 16, 101
-
vecchia 102, 103
-
diritto cantonale 43, 60, 65, 74, 99
-
diritto di voto e di elezione 9
-
iniziativa cantonale 59
-
lingue ufficiali 3
-
perequazione finanziaria 96
-
rappresentanza da parte del Governo 42
-
rappresentanza degli interessi 41
-
referendum cantonale 58
-
relazioni con altri Cantoni, con la Confederazione e con Nazioni limitrofe 2
-
responsabilità dello Stato 26
-
suddivisione dei compiti tra Cantone e comuni 31, 64
-
territorio cantonale
-
divisione del 68
-
circondario elettorale 39, 57
-
trasferimento delle competenze
-
ad altri enti che svolgono compiti pubblici 50
-
Tribunale cantonale
-
cooperazione in Gran Consiglio 51a2
-
elezioni 36
-
finanze 51a1
-
giurisdizione civile e penale 54
-
legislazione 51a3
-
vigilanza dal Gran Consiglio 33, 52
-
vigilanza sulla giustizia 52

Catastrofi. Protezione da 79

Chiese

-
Chiese riconosciute dallo Stato 55, 94, 98-100
-
autonomia 55, 99
-
competenze in materia fiscale 94
-
comuni parrocchiali 98
-
autonomia 99
-
competenze in materia fiscale 94

Circoli

-
autonomia 55
-
disp. fin. 103, 105, 108
-
organizzazione e vigilanza 74

Circondari elettorali 27, 39, 57

Collaborazione

-
autorità 4
-
internazionale 92
-
nazionale 2

Commissioni

-
dei dipartimenti 103
-
del Gran Consiglio 24, 36
-
di giustizia 105
-
dell'educazione e d'igiene 103

Competenze d'elezione dal popolo 11

Comuni

-
aggregazione 63, 64
-
autonomia comunale 55, 65
-
collaborazione e aggregazione fra comuni 62-64, 67
-
compiti
-
principi 75, 76
-
affari sociali, integrazione, salute e famiglia 86-88
-
competenze in materia fiscale 94, 103
-
economia 84, 85
-
istruzione, cultura e ricerca, attività ricreative e sport 89-91
-
lingue 3
-
ordine pubblico e sicurezza 79
-
pianificazione territoriale, ambiente, energia, trasporti e telecomunicazioni 80-83
-
comuni parrocchiali 98, 99
-
comuni patriziali 61
-
comuni politici 60
-
diritto d'iniziativa 12
-
diritto di voto e di elezione 9
-
doppia imposizione intercomunale 95
-
lingue ufficiali 3
-
organi 66
-
assemblea comunale 10, 66
-
autorità comunali 11, 66
-
autorità esecutiva 66
-
parlamento comunale 66
-
organizzazioni e corporazioni regionali 107, 108
-
perequazione finanziaria 96
-
referendum facoltativo 17
-
responsabilità 26
-
ripartizione dei compiti con il Cantone 31
-
stato giuridico e organizzazione 65-67
-
vigilanza 67

Confederazione

-
Assemblea federale
-
incompatibilità 22
-
inoltro di un'iniziativa cantonale 12, 59
-
Costituzione federale 7, 8
-
cura delle relazioni con la Confederazione da parte dal Governo 47
-
diritto federale
-
esecuzione del diritto federale sulla protezione dell'uomo e del suo ambiente naturale 81
-
principio della preminenza del diritto di rango superiore 55
-
diritti di cooperazione nella confederazione
-
elezioni del Consiglio degli Stati 57
-
iniziativa cantonale 59
-
referendum cantonale 58
-
relazioni con la Confederazione 2
-
Tribunale federale
-
incompatibilità 22

Consiglieri di Stato v. Governo

Consiglio degli Stati 21, 57

Consiglio nazionale 21, 57

Conto consuntivo

-
approvazione del 35
-
del Tribunale cantonale e Tribunale amministrativo 51a
-
referendum facoltativo 17

Conto preventivo

-
del Tribunale cantonale e Tribunale amministrativo 51a
-
fissaggio da parte del Gran Consiglio 35
-
approvazione da parte del Governo 46
-
referendum facoltativo 17

Controprogetto 16

Controversie di diritto pubblico. Giudizio 55

Convenzioni

-
competenza 32, 45
-
intercantonali 16, 17, 32, 45
-
internazionali 16, 17, 32, 45, 58
-
votazione popolare 16, 58

Corporazioni regionali 107, 108

Costituzione

-
adeguamento della legislazione 104
-
disposizioni finali e transitorie 101, 106
-
diritti fondamentali 7, 31, 55
-
entrata in vigore, modifiche ed abrogazioni 102, 103
-
federale 8
-
giurisdizione costituzionale 552
-
iniziativa tendente alla modifica della 12
-
modifica parziale/totale 12, 13, 16, 101
-
nuove elezioni ed elezioni sostitutive di autorità e tribunali 105
-
progetti di modifica della 44
-
validità limitata del diritto previgente 103

Cultura 89, 90

Curatela 9, 67

Decisioni

-
come oggetto di una iniziativa 12, 13
-
come oggetto di un referendum 16-19
-
del Governo 38, 48
-
del Gran Consiglio 34, 35, 42, 44, 101, 102
-
finanze 35, 93
-
leggi federali e decreti federali 58
-
validità del diritto previgente 103

Delegazione / Delega del potere legislativo 503

Densità normativa 84

Dipartimenti 49

Diritti(o)

-
alla salvaguardia della buona fede 5
-
al giudice costituzionale 55
-
all'informazione e alla consultazione 28
-
autonomia dei comuni 55, 65
-
d'urgenza 18
-
di voto e di elezione 9, 10
-
fondamentali e obiettivi sociali 7, 8
-
iniziativa e referendum v. Iniziativa, referendum
-
politici 9-19, 21, 106
-
privato
-
comunità religiose 100
-
diritti privati preesistenti 85
-
stato di 5

Disposizioni finali 102-107

Divisione territoriale del Cantone 68

Economia

-
promozione 84
-
sviluppo economico 93

Educazione

-
commissione dell'educazione
-
elezione 103
-
generale v. Insegnamento

Eleggibilità 21

Elezioni

-
da parte del Governo 47
-
da parte del Gran Consiglio
-
presidenza del Governo 36, 40
-
Tribunale amministrativo 36
-
Tribunale cantonale 36
-
popolare
-
Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati 11, 57
-
Governo 11, 39
-
Gran Consiglio 11, 27
-
tribunali regionali 11

Energia 82

Esecuzione

-
del diritto d'urgenza 18
-
del diritto federale 81
-
delle leggi, delle ordinanze e dei decreti 42

Età

-
come condizione di diritto di voto 9

Famiglia 88

Finanza, ordinamento finanziario 93-97

Formazione v. Insegnamento

Funzione ufficiale

-
assunzione 21
-
destituzione 21
-
durata del mandato
-
autorità giudiziaria 23, 105
-
Consiglio degli Stati 23, 105
-
Governo 23, 39
-
Gran Consiglio 23, 105
-
presidente e vicepresidente del Governo 39, 40
-
presidenti di circolo 105
-
eleggibilità 9
-
funzioni ufficiali delle autorità giudiziarie 105
-
incompatibilità 22
-
incombente. elezione da parte del Gran Consiglio 36
-
incombente. elezione da parte del popolo 11
-
responsabilità 24, 26

Giudice v. Tribunale

Giurisdizione

-
amministrativa 55
-
civile e penale 54
-
costituzionale 55
-
vigilanza 52

Giustizia. Vigilanza sulla 33, 51a

Governo

-
attività accessorie e rappresentanza di interessi 41
-
competenza normativa 45
-
compiti in generale 42
-
composizione 38
-
convenzioni intercantonali e internazionali 45
-
cooperazione con il Gran Consiglio 44
-
direzione dell'amministrazione 43
-
durata del mandato 23
-
elaborazione del piano finanziario 46
-
eleggibilità 21
-
elezione 11, 39
-
elezione del presidente 36
-
finanze 46
-
immunità 24
-
incompatibilità 22
-
organizzazione 38-41
-
presidenza 36, 40
-
preventivo e consuntivo 46
-
resoconto e altri compiti 47
-
responsabilità 26
-
situazioni straordinarie 48

Gran Consiglio

-
approvazione da parte del Gran Consiglio
-
situazioni straordinarie 48
-
commissioni del 36
-
competenze normative 31, 32
-
composizione 27
-
compiti 30
-
controprogetto 15, 16
-
cooperazione con il Governo 44
-
decisioni
-
Costituzione 101, 102
-
diritto d'urgenza 18
-
esecuzione 42
-
sottoposto a referendum 16-19
-
sulle iniziative 14, 15
-
domande di grazia 37
-
durata del mandato 23, 105
-
eleggibilità 21
-
elezione del 11, 27
-
elezione da parte del 36, 40
-
finanze 35
-
vigilanza 97
-
immunità 24
-
incompatibilità 22
-
iniziativa cantonale 59
-
legiferazione 31, 32
-
obiettivi politici e linee guida, programmazione governativa 34
-
partecipazione dei presidenti del Tribunale cantonale e del Tribunale amministrativo in sessioni 51a2
-
preventivo e consuntivo 46
-
pubblicità delle sedute 29
-
referendum cantonale 58
-
responsabilità 26
-
ripartizione dei seggi 27
-
statuto dei membri 28
-
vigilanza ed alta vigilanza 33, 51, 52

Grazia 37

Imposte

-
cerchia delle e dei contribuenti 31
-
compiti 35, 94, 103
-
doppia imposizione 95
-
imposte circolari 103
-
imposte comunali 65, 103
-
imposte di culto 94, 99
-
principi dell'imposizione 95
-
tassazione della sostanza 103

Incompatibilità 22

Iniziativa

-
cantonale 59
-
iniziativa privata 59
-
popolare 12-15
-
forma 13
-
nullità 14, 106
-
oggetto 12, 101
-
procedura 15, 16

Insegnamento 89

Istituti autonomi

-
responsabilità 26

Istruzione pubblica

-
Commissione dell'educazione
-
elezione 103
-
generale v. Insegnamento

Leggi

-
autorizzazione ad emanare ordinanze 32
-
controprogetto 16
-
diritto d'urgenza 18
-
esecuzione da parte del Governo 42
-
iniziativa popolare e referendum 12-19
-
leggi federali
-
referendum cantonale 58
-
legiferazione del Gran Consiglio 31, 32, 104
-
progetti 44
-
Stato di diritto 1, 5, 33
-
validità limitata e efficacia 31
-
violazione 55
-
soggetto
-
aggregazione di comuni 63
-
attività accessoria dei giudici 51, 105
-
autorità giudiziarie 56
-
carattere pubblico dei dibattimenti in tribunale. eccezioni 53
-
collaborazione fra comuni 62
-
comuni patriziali 61
-
comunità religiose. riconoscimento 98
-
contributi 31
-
delega di compiti 31
-
diritti all'informazione e alla consultazione 28
-
diritto di voto e di eleggibilità per gli stranieri 9
-
disposizioni transitorie 103
-
domande di grazia 37
-
giurisdizione amministrativa 55
-
immunità 24
-
incompatibilità 22
-
limitazioni dei diritti fondamentali 31
-
monopoli e regalie 85
-
organi dei comuni politici 66
-
organizzazione e compiti delle autorità e dei tribunali 31
-
perequazione finanziaria 96
-
piano finanziario e materia fiscale 35, 94, 99
-
poteri elettorale per le autorità 11, 36
-
prestazioni statali 31
-
rappresentanza degli interessi 41
-
requisiti di eleggibilità e condizioni di assunzione del personale statale 21
-
responsabilità dello Stato. eccezioni 26
-
situazioni straordinarie 48
-
suddivisione dei compiti tra Cantone e comuni 31, 76
-
vigilanza

- comuni 67

- regioni 74

Libertà preambolo

-
Stato di diritto fondato sulla libertà 1

Lingue

-
minoranze 3
-
molteplicità linguistica 90
-
ufficiali 3

Monopoli 85

Minoranze linguistiche autoctone 3 Ordinanze o decreti senza base legale 48

Ordine pubblico 47, 79

Parrocchie v. Chiese

Partiti politici 20

Patriziati 60, 61

Perequazione finanziaria 96

Personale statale

-
eleggibilità e assunzione 21
-
incompatibilità 22
-
responsabilità 26
-
vigilanza 33, 47, 50

Pianificazione territoriale 80-82

Piano finanziario

-
competenza del Gran Consiglio 34, 35
-
competenza del Governo 34, 46

PMI

-
piccole e medie imprese 84

Privati/-a

-
acque 83
-
agiscono secondo il principio della buona fede 5
-
collaborazione con i privati 76
-
diritto privato v. Diritto privato
-
iniziativa 75

Programmazione governativa 34

Propri religiosi nominazione 99

Protezione dell'ambiente 81, 82

Pubblica/-o

-
acque 83
-
compiti
-
altri enti svolgono 31, 33, 50
-
esame 78
-
esecuzione 75-77
-
diritto pubblico
-
Chiese riconosciute 98
-
controversie di 55
-
corporazioni del 26, 60
-
edifici ed impianti 864
-
ordine 47, 79
-
sicurezza 48, 79
-
infrastruttura 82
-
interesse 5, 76, 85
-
risorse 93
-
salute 87
-
scuole 89
-
trasporti 82

Pubblicità

-
degli dibattimenti fra le parti in tribunale 53
-
delle sedute del Gran Consiglio 29
-
informazione del pubblico 25

Rapporto

-
del Governo 47
-
del Tribunale cantonale e del Tribunale amministrativo 51a1

Referendum

-
cantonale 58
-
facoltativo 17, 18
-
obbligatorio 16
-
referendum finanziario v. Referendum finanziario
-
richiesta di referendum
-
contro le leggi cantonali 12, 17, 101
-
contro le leggi e decreti federali 58

Referendum finanziario

-
facoltativo 17
-
obbligatorio 16

Regalie 85

Regioni 68 ss

-
suddivisione del Cantone 68
-
appartenenza dei Comuni alle 68
-
compiti delle 71
-
organizzazione delle 71
-
vigilanze sulle 74

Relazioni del Cantone

-
con altri Cantoni 2
-
con la Confederazione 2
-
con Nazioni limitrofe 2

Religione v. Chiese

Responsabilitàdello Stato 26

Responsabilità individuale e sociale 6

Revisione v. Costituzione

Ricerca 90

Ricorso (i)

-
contro decisioni di autorità 55
-
contro la decisione di nullità d'una iniziativa popolare 14

Salute pubblica 87

-
Commissione d'igiene 103
-
integrazione 86

Scuole

-
Commissione dell'educazione 103
-
generale v. Insegnamento
-
lingue nelle scuole 3
-
scuole pubbliche 89

Segreto professionale 28

Separazione e limitazione dei poteri 4

Sicurezza pubblica e ordine pubblico 47, 48, 79

Situazioni straordinarie 48

Sociale

-
famiglia 88
-
integrazione 86

Sovranità v. Stato

Spesa

-
competenza del Gran Consiglio 35
-
spese amministrative dei circoli 103
-
referendum facoltativo 17
-
referendum obbligatorio 16

Sport e attività ricreative 91

Stato

-
convenzioni internazionali v. Convenzioni
-
finanza 44, 46, 93-97
-
operato dello Stato
-
obiettivi e mezzi 42
-
principi 1-5
-
responsabilità fondata sull'equità 26
-
separazione e limitazione dei poteri 4
-
sovranità dello Stato 2, 31
-
Stato di diritto 5
-
vigilanza v. Vigilanza

Suffragio universale 10

Tasso fiscale 17, 103

Telecomunicazione 82

Trasporto pubblici 82

Trattati di Stato v. Convenzioni

Tribunale (i)

-
attività accessoria dei giudici 51, 105
-
conto annuale e preventivo 51a
-
durata del mandato 23, 105
-
eleggibilità 21
-
elezione membri
-
tribunali regionali 11
-
Tribunale cantonale e Tribunale amministrativo 36
-
giurisdizione 54, 55
-
incompatibilità 22
-
indipendenza e imparzialità 51
-
informazione 25
-
organizzazione dei tribunali, amministrazione 312, 51
-
progetto di preventivo 51a
-
pubblicità dei dibattimenti 53
-
rapporto annuale 51a
-
separazione e limitazione dei poteri 4
-
sospensione e destituzione 213
-
Tribunale amministrativo
-
elezione 36
-
finanze 51a1
-
giurisdizione costituzionale e amministrativa 55
-
legislazione 51a3
-
nullità di un'iniziativa 14
-
partecipazione alle sedute del Gran Consiglio 51a2
-
vigilanza da parte del Gran Consiglio 33, 52
-
Tribunale cantonale
-
elezione 36
-
finanze 51a1
-
giurisdizione civile e penale 54
-
vigilanza da parte del Gran Consiglio 33, 52
-
vigilanza sulla giustizia 52
-
tribunali regionali
-
elezione 11
-
giurisdizione civile e penale 54
-
ulteriori autorità giudiziarie ed extragiudiziarie 56

Uguaglianza

-
fra donna e uomo 75
-
integrazione sociale e professionale 86
-
pari opportunità 75
-
persone svantaggiate a causa di un handicap o di una malattia 86

Varianti (votazione) 19

Vie di comunicazione v. Trasporto

Vigilanza (alta vigilanza)

-
autorità di vigilanza. incompatibilità 22
-
del Cantone
-
acque 83
-
comuni parrocchiali 99
-
del Governo
-
regioni 74
-
comuni 67
-
enti che svolgono compiti pubblici 47, 50
-
del Gran Consiglio
-
finanze 97
-
giustizia 52
-
Governo 33
-
istanza suprema di vigilanza 30
-
del Tribunale cantonale
-
giustizia civile e penale 52

Votazione

-
a maggioranza
-
del Consiglio degli Stati 57
-
del Governo 39
-
del Gran Consiglio 27
-
diritto di 9, 10
-
elezioni v. Elezioni
-
in Gran Consiglio 28
-
iniziativa e referendum 12-19, 101
-
principi 10
-
procedura 15
-
sulla legislazione 58, 59
-
sulle varianti 19

Voto v. Votazione


 Accettata in votazione popolare il 18 mag. 2003/14 set. 2003, in vigore dal 1° gen. 2004. Garantita dall'AF il 15 giu. 2004 (FF 2004 3241 art. 1 927).


1 La presente pubblicazione si basa sulle modifiche contenute nei messaggi concernenti il conferimento della garanzia federale pubblicati nel FF. Può divergere temporaneamente dalla versione pubblicata nella raccolta cantonale delle leggi. Lo stato corrisponde quindi alla data dell'ultimo decreto dell'AF che accorda la garanzia federale pubblicato nel FF.
2 Accettato nella votazione popolare del 23 set. 2012, in vigore dal 1° gen. 2015. Garanzia dell'AF del 23 set. 2013 (FF 2013 6761 art. 1 n. 4 3267).