414.110.21

Regolamento della Commissione di ricorso dei PF

del 18 settembre 2003 (Stato 15  agosto 2011)

Il Consiglio dei PF,

visto l'articolo 37a capoverso 5 della legge del 4 ottobre 19911 sui PF,

ordina:

Sezione 1: Oggetto

 

Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e la procedura della Commissione di ricorso dei PF (Commissione).


Sezione 2: Organizzazione

 

1 La Commissione si compone:

a.
del presidente;
b.
del vicepresidente;
c.
di altri cinque membri.

2 Il responsabile della segreteria della Commissione è membro d'ufficio della Commissione. Egli può anche esercitare la carica di presidente.

3 Il Consiglio dei PF provvede a una composizione equilibrata della Commissione, in modo che siano equamente rappresentati le cerchie competenti nel campo d'attività della Commissione, le regioni del Paese e entrambi i sessi.

4 Il Consiglio dei PF pubblica nel Foglio federale cognome, nome, professione e domicilio dei membri nominati per la prima volta e, nell'Annuario federale, l'elenco completo dei membri della Commissione.


 

I membri della Commissione, ad eccezione del responsabile della segreteria della Commissione, esercitano la loro carica a titolo accessorio.


 

1 Può essere nominato membro della Commissione chiunque abbia compiuto 18 anni e non sia interdetto per infermità o debolezza di mente ai sensi dell'articolo 369 del Codice civile1.

2 Il presidente, il vicepresidente e il responsabile della segreteria della Commissione devono avere conoscenze approfondite di diritto.2


1 RS 210
2 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

1 I membri della Commissione non possono far parte né del Consiglio dei PF o del suo stato maggiore né della direzione di un PF o di una stazione di ricerca del settore dei PF o del loro stato maggiore.

2 I membri della Commissione non possono svolgere attività suscettibili di pregiudicare l'adempimento della loro carica, l'indipendenza o la reputazione della Commissione.

3 I parenti e gli affini in linea diretta e, fino al terzo grado compreso, in linea collaterale, nonché i coniugi, i coniugi di fratelli e sorelle e le persone che convivono stabilmente non possono far parte contemporaneamente della Commissione.


 

La durata della carica corrisponde a una legislatura del Consiglio nazionale. Essa comincia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre.


 

1 I membri della Commissione ricevono una diaria di 500 franchi per ogni seduta più la metà di tale importo per lo studio preparatorio degli atti. I membri della Commissione impiegati nel settore dei PF ricevono la metà di questi importi.

2 Il presidente percepisce un'indennità forfettaria di 18 000 franchi all'anno. Questa copre tutti gli oneri, escluse le spese soggette a rimborso. Se il presidente non può né preparare né dirigere una seduta, tale importo è decurtato di 1000 franchi per ogni seduta e al vicepresidente sono versati 500 franchi in aggiunta all'indennità di cui al capoverso 1. Se il presidente è assente per più di due mesi, il Consiglio dei PF può decurtargli ulteriormente l'indennità forfettaria e accordare al vicepresidente un'indennità supplementare.

3 In quanto membro della Commissione, il responsabile della segreteria della Commissione non riceve alcuna indennità.

4 Dalle diarie e dall'indennità forfettaria sono dedotti i contributi AVS/AI/IPG e AD.

5 Le indennità non vengono adeguate al rincaro.

6 Il rimborso delle spese è retto dalle disposizioni corrispondenti del settore dei PF.

7 Le diarie e l'indennità forfettaria come pure il rimborso delle spese sono versati una volta all'anno in dicembre.


1 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

1 Il presidente del Consiglio dei PF designa la segreteria della Commissione, d'intesa con il presidente di quest'ultima.

2 La segreteria svolge compiti specifici e amministrativi inerenti all'attività della Commissione.

3 Il rapporto di lavoro dei collaboratori della segreteria è retto dalla legge del 24 marzo 20001 sul personale federale e dall'ordinanza del 15 marzo 20012 sul personale del settore dei politecnici federali.

4 Per far fronte a temporanei sovraccarichi di lavoro è possibile, in casi eccezionali, ricorrere a personale giuridico ausiliario sulla base di un mandato. Questi giuristi non hanno né voce consultiva né possono firmare le decisioni.3


1 RS 172.220.1
2 RS 172.220.113
3 Introdotto dal n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

1 La Commissione pubblica le decisioni passate in giudicato di importanza fondamentale in organi specializzati o in banche dati elettroniche che servono a diffondere informazioni relative alla giurisdizione amministrativa.1

2 I nomi delle persone che sono comparse come parti in causa e che hanno patrocinato esclusivamente interessi privati, nonché le indicazioni che consentono di identificare queste persone possono essere divulgati soltanto con il loro consenso.

3 Il presidente presenta annualmente al Consiglio dei PF un rapporto sulle attività svolte dalla Commissione.


1 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

1 La Commissione ha sede a Berna.

2 La sede della Commissione è pubblicata nell'Annuario federale.


 

1 Lo Stato maggiore del Consiglio dei PF tiene la contabilità.


1 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).



 

1 I membri della Commissione e i collaboratori della segreteria sono tenuti al segreto d'ufficio sui fatti confidenziali di cui vengono a conoscenza nel corso della loro attività al servizio della Commissione.

2 La Commissione è l'autorità superiore, ai sensi dell'articolo 320 numero 2 del Codice penale1, autorizzata a sciogliere dal segreto d'ufficio.


1 RS 311.0


Sezione 3: Procedura

 

1 Alle persone che devono prendere o preparare una decisione si applicano i motivi di ricusazione di cui all'articolo 10 della legge federale del 20 dicembre 19682 sulla procedura amministrativa (PA).

2 Se sussiste un motivo di ricusazione, la persona in questione deve comunicarlo tempestivamente al presidente della Commissione.


1 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).
2 RS 172.021


 

1 La parte che intende chiedere la ricusazione di un partecipante alla procedura deve presentare una domanda scritta alla Commissione non appena è a conoscenza del motivo di ricusazione. Deve rendere verosimili i fatti su cui si fonda la domanda.

2 Il ricusando si deve pronunciare dinanzi alla Commissione sui motivi di ricusazione addotti.


1 Introdotto dal n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

1 Se il ricusando contesta il motivo di ricusazione, la decisione in merito è presa dalla Commissione in sua assenza.

2 Se è stata presentata una domanda di ricusazione per la Commissione in corpore, la decisione in merito è presa dal Consiglio dei PF. Se accoglie la domanda, quest'ultimo nomina quattro membri supplenti e stabilisce quale di questi membri assume la funzione del presidente.

3 La decisione in merito alla ricusazione può essere presa senza sentire la controparte.


1 Introdotto dal n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

1 In quanto giudice istruttore, il responsabile della segreteria della Commissione sovrintende all'intera procedura istruttoria, dalla pendenza della causa fino alla presentazione della proposta da parte del presidente.

2 La supplenza del giudice istruttore è assicurata dal presidente.


1 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

Il presidente può ordinare un dibattimento orale. Quest'ultimo non è pubblico.


 

1 Il presidente fa richiesta scritta di liquidare il ricorso agli altri membri della Commissione.

2 Le decisioni della Commissione sono prese nel corso di sedute o, in casi eccezionali, per circolazione degli atti.

3 Se una decisione è presa nel corso di una seduta, la Commissione può deliberare se sono presenti almeno quattro membri. Le decisioni sono prese a maggioranza semplice dei presenti.

4 Se una decisione è presa per circolazione degli atti è necessaria la maggioranza dei voti dei membri della Commissione.

5 In caso di parità è decisivo il voto del presidente.

6 I collaboratori della segreteria della Commissione non facenti parte della Commissione partecipano in qualità di cancellieri all'istruzione e al processo decisionale. Hanno voce consultiva.1

7 Elaborano rapporti sotto la responsabilità del giudice istruttore e stendono le decisione della Commissione.2


1 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).
2 Introdotto dal n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

1 Il presidente esamina le motivazioni delle decisioni redatte in forma provvisoria e sottopone ai membri della Commissione la proposta di liquidazione. Egli può sottoporre agli altri membri della Commissione, per circolazione degli atti, determinate questioni sollevate dalla stesura.2

2 Nella decisione è menzionato il nome dei membri della Commissione che vi hanno concorso.

3 Il presidente e il cancelliere competente o un altro membro della Commissione firmano la decisione.3


1 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).
2 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).
3 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

Le spese processuali sono stabilite conformemente all'articolo 63 PA1 e all'ordinanza del 10 settembre 19692 sulle tasse e spese nella procedura amministrativa.



 

Il giudice istruttore decide quale giudice unico in merito:

a.
allo stralcio di procedure divenute prive di oggetto;
b.
alla non entrata nel merito di impugnazioni manifestamente inammissibili.

1 Nuovo testo giusta il n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

1 Abrogato dal n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, con effetto dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


Sezione 4: Disposizioni finali

 

Con l'entrata in vigore della presente ordinanza, la trattazione di tutti i ricorsi pendenti presso il Consiglio dei PF diventa di competenza della Commissione.


 

Il vigente ordinamento delle indennità dei membri della Commissione cessa di essere valido all'inizio del periodo di nomina 2012-2015.


1 Introdotto dal n. I dell'O del Consiglio dei PF del 7 lug. 2011, in vigore dal 15 ago. 2011 (RU 2011 3563).


 

Il presente regolamento entra in vigore il 1o gennaio 2004.



Suggerimenti e osservazioni: Centro delle pubblicazioni ufficiali
Ritorna a inizio paginaUltimo aggiornamento: 26.11.2014